La pirolisi (o piroscissione) è un processo di decomposizione termochimica di materiali organici, ottenuto mediante l’applicazione di calore e in completa assenza di un agente ossidante (normalmente ossigeno). In pratica, se si riscalda il materiale in presenza di ossigeno avviene una combustione che genera calore e produce composti gassosi ossidanti; effettuando invece lo stesso riscaldamento in condizioni anaerobiche (totale assenza di ossigeno), il materiale subisce la scissione dei legami chimicioriginari con formazione di molecole più semplici. Il calore fornito nel processo di pirolisi viene quindi utilizzato per scindere i legami chimici, attuando quella che viene definita omolisi termicamente indotta. Tra i principali processi pirolitici sfruttati su larga scala spiccano il cracking industriale e il trattamento termico dei rifiuti. Prima del 1925 la pirolisi del legno costituì la fonte principale di metanolo. - E’ quindi possibile sfruttare in maniera efficiente l’energia stoccata all interno delle biomasse per permetterci di recuperare il calore e l’energia elettrica necessaria per soppravvivere e ricavarne anche un ingente eccedenza. Naturalmente alcune biomasse devono avere un trattamento prima di poterle pirolizzare, come ad esempio la carta, il legno, i tutoli di mais....ecc..... .

 

EFFETTI SUI NOSTRI PRODOTTI: 

 

I nostri prodotti utilizzano questa tecnologia pirolitica,  mentre nel caso dell'accensione e spegnimento non si utilizza la pirolisi.

 

Le stufe pirolitiche sono caratterizzate da 3 fasi:

 

1 Fase :  accensione in modo tradizionale dall'alto, le fiamme d'accensione riscaldano il combustibile sottostante creando la scissione dei legami e innescando la pirolisi

 

2 Fase : scissione pirolitica con i vantaggi di non emissione di sostanze e non fumosità, i gas presenti all'interno del combustibile salgono in superficie e alimentano le fiamme facendole staccare letteralmente dal combustibile creando una fiamma pulita.

 

3 Fase : spegnimento , le fiamme si spengono per l'esaurimento di gas prodotti dalla pirolisi e rimangono le braci incandescenti e il combustibile carbonizzato.